Blog Post

  • Home
  • I pagamenti digitali? Inquinano meno delle transazioni fatte in contanti

I pagamenti digitali? Inquinano meno delle transazioni fatte in contanti

Ecco perché i pagamenti digitali sono green….

I pagamenti digitali non solo combattono l’ evasione fiscale ma sono anche amici dell’ ambiente . È quanto emerge da due studi olandesi in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente di mercoledì 5 giugno.

In cifre per un pagamento in contanti, l’impatto ambientale di ogni transazione è pari a 4,6 grammi di CO2 equivalenti (CO2e). L’impatto è dovuto in particolare alla fase di produzione delle monete (32%) e a quella operativa (64%), ovvero all’esercizio degli sportelli automatici e al trasporto di monete e banconote (64%).

Ogni transazione con carta di debito ha invece un impatto ambientale di 3,78 grammi di CO2e : in pratica, come una lampadina a basso consumo energetico da 8 W lasciata accesa per un’ora e mezza. A incidere, in questo caso, sono soprattutto terminali per i pagamenti (75% dell’impatto totale), in particolare per i materiali (37%) e per il consumo di energia (27%). Secondo lo studio olandese, uno dei problemi è legato al fatto che i terminali rimangano accesi tutto il giorno restando però per la maggior parte del tempo inutilizzati, in modalità standby. L’utilizzo di energia totale medio per transazione per terminale è di 0,23 Wh.

Tuttavia, l’impatto dei pagamenti digitali potrebbe diminuire fino al 44% con piccoli accorgimenti come ad esempio:
– Fissando alcuni momenti per l’aggiornamento dei software, permettendo così ai rivenditori di spegnere i POS quando il negozio è chiuso, senza doverli tenere accesi 24 ore al giorno.

In definitiva possiamo dire che i pagamenti digitali fanno bene all’ambiente, e sempre più si troveranno anche in questo settore soluzioni green.

Start for Win offre consulenza gratuita a progetti di Monetica e pagamenti digitali, contattaci senza impegno.